. Chi sono .

Fotografa di Scena

Campagna Abbonamenti Teatro Stabile del Veneto, Teatro dal Monaco di Treviso, © Serena Pea 2019
Campagna Abbonamenti Teatro Stabile del Veneto, © Serena Pea 2019

Fotografo spettacoli dal 2009. Nel 2011 mi sono specializzata al corso per Fotografi di Scena presso l’Accademia Teatro alla Scala di Milano. Dal 2012 collaboro come fotografa di scena con il Teatro Stabile del Veneto, nel 2017 e nel 2019 collaborato con ERT, Emilia Romagna Teatro.

In questi anni mi sono occupata delle foto di scena ufficiali di spettacoli per la regia di Natalino Balasso, Flavia Bussolotto – TAM Teatromusica, Fausto Cabra, Arturo Cirillo, Matteo Destro, Giuseppe Emiiani, Lino Guanciale, Claudio Longhi, Lorenzo Maragoni – Amor Vacui, Damiano Michieletto, Alex Ollè – La Fura dels Baus, Antonio Panzuto, Luca Rodella, Giacomo Rossetto – Teatro Bresci, Alex Rigola, Sergio Rubini, Giorgio Sangati, Stefano Scandaletti, Gabriele Vacis, Paolo Valerio, Marco Zoppello – Stivalaccio Teatro.

Oltre alle fotografie di scena realizzo video trailer, video integrali, video di backstage, fotografie per manifesti e per campagne abbonamenti.

Progetti Personali

Songül-Serena-Pea-2017-11

In quest’epoca di ipervisione, dove tutto si può fotografare, provo a dare immagine a ciò che non è fotografabile: perchè non lo posso raggiungere, perché non mi è permesso fotografarlo o perchè è qualcosa che è avvenuto nel passato.

Per poterlo fare ricreo situazioni al limite tra realtà e finzione. “Ogni immagine incorpora un modo di vedere. Persino una fotografia”¹, che contiene sempre un atto selettivo da parte di chi fotografa, ovvero la scelta una porzione, un punto di vista e un momento del reale tra un numero infinito di immagini possibili.

La fotografia per sua natura non è neutrale, e non essendo mimesis del reale è una delle sue possibili interpretazioni, per questo cerco di portare questa affermazione alle estreme conseguenze in questo momento storico in cui, come afferma Carlo Sala, i “meri processi di registrazione della realtà di sovente appaiono depotenziati e svuotati”², spesso incapaci a portarci a una riflessione e un ricordo duraturo dopo un primo impatto emotivo.

Per fare questo devo un gigantesco grazie ad Alberto Nonnato, scenografo il cui aiuto è per me fondamentale nella realizzazione delle riproduzioni e delle miniature presenti nei miei lavori.

 

¹ John Berger, Questione di Sguardi. Sette inviti a vedere fra storia dell’arte e quotidianità, Milano, Il Saggiatore, 2015, p.12.

² Carlo Sala, Immagini sospese tra dialoghi e conflitti, in Photo Open Up, Festival Internazionale di Fotografia, catalogo 2019, p. 23.

 

“Everyday Souvenir” (2014):

  • tra i 12 progetti vincitori di Giovane Fotografia Europea presso il Festival della Fotografia Europea di Reggio Emilia nel 2014.
  • Vuoti a Rendere, collettiva di fotografi under 35, piazza Forzatè, Padova, 28 marzo – 11 aprile 2014.
  • Everyday Souvenir, mostra personale a cura di Roberto Mutti, presso Biblioteca Centrale di Palazzo Sormani, Milano, 24 marzo – 5 aprile 2014.

 

“Songül” (2017):

  • esposto nella collettiva Altre Visioni, presso Palazzo Moroni a Padova, all’interno di Photo Open Up, Festival Internazionale di Fotografia, dal 21 settembre al 27 ottobre 2019.
  • esposto e presentato presso il bookshop della Fondazione Sozzani a Milano da ottobre a dicembre 2018.
  • pubblicato, a febbraio 2018, nel libro Songül, dalla casa editrice La Grande Illusion, postfazione di Guido Scarabottolo. Il libro si può acquistare allo shop online della Libreria Spazio B**K di Milano cliccando qui.
  • esposto in Mirabilia. Il segno della contemporaneità nelle opere di artisti under 35 presso il Museo Diocesano di Padova, 18 maggio – 18 giugno 2017.
  • esposto presso la collettiva In/Out Spazi D’arte presso il Centro Culturale San Gaetano, 4 maggio – 16 giugno 2017.